Tag Titolo Abstract Articolo
www.storiaestorici.it
storia, storie, narrazioni
Roberto Moro
cronologia di una conquista
Il sacco del Nord. La Padania conquistata
le Mafie al Nord e in Lombardia1950-2010
immagine
A partire dagli anni ’60 la presenza dei criminali mafiosi assume la forma di un vero e proprio contagio sociale e morale del territorio lombardo. Il fenomeno trova oggi uno stabile radicamento per effetto della capacità delle cosche, soprattutto di quelle calabresi, di rigenerarsi tramite l’entrata in gioco di figli e familiari di capi-cosca arrestati e condannati all’ergastolo o a pene elevatissime negli anni ’90; il contesto di “disattenzione” per l’esplosione del tema della percezione della sicurezza, ha invece spostato i riflettori sulla microcriminalità collegata alla presenza di stranieri e di altri soggetti operanti sul terreno della devianza sociale.
***


[audi - video - galleria di immagini]

 

Cronologia della penetrazione delle mafie in Lombardia

 

1954
Giacomo Zagari, proveniente da San Ferdinando, nella Piana di Gioia Tauro, si trasferisce prima a Galliate Lombardo e poi a Buguggiate. E' la prima famiglia di 'ndrangheta di cui si abbia notizia in Lombardia. Suo figlio Antonio sarà un superpentito, testimone chiave del processo “Isola Felice” e autore del libro “Ammazzare stanca”, raro documento originale sulla 'ndrangheta.

 

1960-1970
E' il decennio del “contagio”: nel 1965 il provvedimento di confino (soggiorno obbligato) viene esteso ai mafiosi. Si ritiene che almeno 400 uomini delle cosche arrivino nelle province di Milano, Varese, Como, Lecco, Brescia e Pavia. Nel giugno 1970 a Milano si tiene un’importante riunione con i mafiosi Gerlando Alberti, Giuseppe Calderone, Tommaso Buscetta, Gaetano Badalamenti, Totò Riina e Salvatore Greco.

 

1970-1980
Il 18 dicembre 1972 a Vigevano viene rapito Pietro Torielli junior (verrà rilasciato dopo il pagamento di un riscatto di 1 miliardo e 500 milioni). E' il primo sequestro di persona di cui si abbia notizia in Lombardia. Tra i condannati con sentenza passata in giudicato figura Luciano Leggio, meglio conosciuto come Luciano Liggio “la primula rossa”, arrestato il 16 maggio 1974 in via Ripamonti, a Milano. In tutto, saranno 103 i sequestri organizzati da Cosa Nostra e dalla 'ndrangheta in Lombardia. Sulla scena, intanto, si afferma Francis Turatello. Cosa Nostra gli permette affari considerati “disonorevoli” per distogliere l’attenzione delle forze dell’ordine dal traffico di stupefacenti e dal riciclaggio di denaro sporco. Il suo arresto nel 1977 è la scintilla della faida che insanguina Milano a fine anni '70. Solo con l'arresto nel settembre 1984 di Angelo Epaminonda detto “Il Tebano”, primo pentito di mafia a Milano, viene smantellata l'organizzazione che controlla le bische clandestine, il giro della prostituzione, il racket delle estorsioni e il mercato della droga, in collaborazione con le cosche mafiose tradizionali. L'11 luglio 1979 un sicario uccide Giorgio Ambrosoli. L'avvocato milanese, esperto in liquidazioni coatte amministrative, aveva ricevuto incarico di indagare sugli Istituti di credito fondati da Michele Sindona (Banca Unione e Banca Privata Finanziaria), condannato all'ergastolo come mandante dell'omicidio.


1980-1990
Il 1983 è un anno chiave: nella notte di San Valentino, viene portata alla luce dalla magistratura una rete di società milanesi di proprietà di affiliati a Cosa Nostra e gestite da imprenditori insospettabili, incarnazione esemplare della cosiddetta “mafia dei colletti bianchi”. L'11 novembre viene inoltre smascherato l'assalto delle cosche catanesi e palermitane al casinò di Sanremo, in raccordo e sotto la protezione di settori del mondo politico, in particolare di uomini del partito socialista come Antonio Natali. L'iter processuale si conclude con la condanna di tutti per associazione a delinquere di tipo mafioso. Nel frattempo la 'ndrangheta perfeziona il controllo di ampie zone della città e dell’hinterland come Bruzzano, Comasina e Quarto Oggiaro o comuni come Corsico, Buccinasco, Trezzano sul Naviglio. La presenza dei calabresi causa il feroce scontro con le altre organizzazioni: Milano sale al 3° posto nella graduatoria delle città con il maggior numero di omicidi da parte della criminalità organizzata (105 nel 1990). Superata la fase conflittuale, i vertici delle mafie si accordano per gestire il traffico di droga e il nuovo business del contrabbando di armi.

 

1990-2000
Nel 1991 l'inchiesta “Duomo Connection” conferma legami e connivenze di politici lombardi con la criminalità organizzata mafiosa. Il 27 luglio 1993 alle ore 23,14 un'autobomba esplode nei pressi del Padiglione di arte contemporanea in via Palestro, a Milano. I morti sono cinque: tre vigili del fuoco, un vigile urbano e un immigrato marocchino addormentato su una panchina. La strage è attribuita a Cosa Nostra ed è da ricondurre al tentativo di intimidazione di Cosa Nostra nei confronti dello Stato e più in generale delle Istituzioni. Segue la stagione delle grandi inchieste e i primi maxiprocessi per mafia (in tutto saranno 10): i collaboratori di giustizia Antonio Zagari e Saverio Morabito parlano di circa ventimila affiliati alla 'ndrangheta in Lombardia. Le forze dell’ordine e la magistratura sferrano i primi colpi mortali alle cosche guidate dai nuovi padrini delle mafie attive al Nord con le operazioni “Wall Street”, “Count Down”, “Hoca Tuca”, “Nord-Sud”, “Belgio” e “Fine”. Tra il '93 e il '95 gli arresti di mafiosi sono oltre 2000. Emerge come in Lombardia la ‘ndrangheta abbia esteso la sua potenza ai massimi livelli di pericolosità stipulando con la mafia e la camorra una sorta di pax criminale per la gestione dei grandi traffici illeciti, su tutti quello della droga.

 

2000-2010 - Mafie in Lombardia ai giorni nostri: dove e perché
[...] La Lombardia è oggi una metafora perfetta della ramificazione molecolare della ‘ndrangheta in tutto il Nord. La squadra mobile di Milano dispone di una mappa nella quale ogni centro di una certa importanza compreso tra il capoluogo e il confine con la Svizzera è colonizzato (vedi allegato). In generale, dopo i maxi processi degli anni '90, le mafie hanno riguadagnato progressivamente terreno grazie a tre fattori:

 

• La capacità delle cosche, soprattutto di quelle calabresi per la loro strutturazione familistica di tipo orizzontale, di rigenerarsi tramite l’entrata in gioco di figli e familiari di capi-cosca arrestati e condannati all’ergastolo o a pene elevatissime negli anni ’90.

• Le scarse risorse specializzate messe in campo dallo Stato per combattere la mafia. Il distretto di Milano, che comprende anche città con forte presenza mafiosa come Como, Lecco, Varese e Busto Arsizio, è costituito da poco più di 200 uomini. La D.I.A. (Direzione Investigativa Antimafia) che ha competenza su tutta la Lombardia da appena 68.

• Il contesto di “disattenzione” per l’esplosione del tema della percezione della sicurezza, che ha spostato i riflettori sulla microcriminalità collegata alla presenza di stranieri e di altri soggetti operanti sul terreno della devianza sociale.

 

Oltre alla 'ndrangheta, alla camorra e a Cosa Nostra, in Lombardia agisce la mafia albanese, dedita allo sfruttamento della prostituzione, nonché al traffico di stupefacenti, dove ha sicuri collegamenti con la criminalità organizzata italiana. La criminalità russa investe ingenti risorse finanziarie nei settori immobiliari e nell’attività turistica, quella cinese fa affari con la camorra nel settore della contraffazione di merci2. Il 2 dicembre 2009, la prima sezione penale del tribunale di Brescia ha condannato i capi dell'Eiye (mafia africana) per “associazione a delinquere di stampo mafioso”, lo stesso applicato per le cosche siciliane e calabresi. L'Eiye gestiva tutti gli affari, anche privati, che riguardano i cittadini nigeriani residenti a Brescia e provincia. Solo chi faceva parte dell'organizzazione (nel rito d'iniziazione i seguaci erano costretti a bere sangue umano) poteva avere qualche speranza di lavoro. [...]

 

La letterature e gli archivi sono ormai strabordanti e le inchieste non si contano più: la pemetrazione delle mafie al Nord è un fenomeno documetato e sappiamo tutto, o quasi, di presnoggai, compoarse, alleanze, ambiti operativi, interessi economici, relazioni con il mondo imprenditoriale e politico, presenza nelle isituzioni. Per un primo approfondimento (nomi, date, eventi, persone) ...

Vedi anche
Cronologia dettagliata in “misteri d’Italia”
Camera.it – Mafie e antimafia: un cronologia dettagliata (1903/2006)
Operazioni delle forze dell’ordine contro la ‘ndrangheta (1991/2012)
MilanoMafia offre una rassegna stampa che consente di ripercorrere tutte le fasi della penetrazione delle mafie in lombardia.

 

video corrleati

La storia della ‘ndrangheta

Roberto Saviano- la ‘ndrangheta al Nord


La mafia nel Nord – liguria

‘ndrangheta in Lombardia 300 arresti

‘ndrangheta al Nord : l’operazione Mnotauro




Fonte: http://www.scribd.com/doc/27325524/Le-mafie-in-Lombardia-dossier-sintetico-a-cura-di-Libera
Storia&storici è diretto da Roberto Moro
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact