Tag Titolo Abstract Articolo
www.storiaestorici.it
storia, storie, narrazioni
Roberto Moro
1981 - Enrico Berlinguer
Chi ha paura della questione morale?
28 luglio 1981 - (audio, video e PDF)
immagine
“La questione morale non si esaurisce nel fatto che, essendoci ladri, corrotti, concussori in alte sfere della politica e dell'amministrazione, bisogna scovarli, denunciarli, metterli in galera. La questione morale, nell'Italia d'oggi, fa tutt'uno con l'occupazione dello stato da parte dei partiti, con la guerra per bande, con la concezione della politica e con i metodi di governo. Ecco perché dico che la questione morale è il centro del problema italiano”. Perché non ricordare nell’Italia del presente che vi fu un tempo in cui la classe politica seppe esprimere valori profondi?
***

 

[audi - video - video correlati - testo allegato]

 

In una intervista rilasciata e Repubblica il 28 luglio 1981, Luigi Berlingue proponeva il tema di una "questione morale". Nello scenario politico e nelle emozioni dei primi anni Ottanta, i termini di questa "questione" sembravano investire i partiti di governo che, in una sorta di immobile continuità nelle procedure e nelmetodo di governo, potevano tutti tra loro confondersi in quella che oggi, con termine orami ufficialnmente accettato e corrente, chaiamao "casta". A rileggerla oggi, e in presenza del dibattito precongrassuale del Partito Democratico, si può anche andare più in là. comunque il testo mantiene inalterata la sua attualità. Eccone un estratto.

“I partiti hanno occupato lo Stato e tutte le sue istituzioni, a partire dal governo. Hanno occupato gli enti locali, gli enti di previdenza, le banche, le aziende pubbliche, gli istituti culturali, gli ospedali, le università, la Rai TV, alcuni grandi giornali. Per esempio, oggi c'è il pericolo che il maggior quotidiano italiano, il Corriere della Sera, cada in mano di questo o quel partito o di una sua corrente, ma noi impediremo che un grande organo di stampa come il Corriere faccia una così brutta fine. Insomma, tutto è già lottizzato e spartito o si vorrebbe lottizzare e spartire. E il risultato è drammatico. Tutte le "operazioni" che le diverse istituzioni e i loro attuali dirigenti sono chiamati a compiere vengono viste prevalentemente in funzione dell'interesse del partito o della corrente o del clan cui si deve la carica. Un credito bancario viene concesso se è utile a questo fine, se procura vantaggi e rapporti di clientela; un'autorizzazione amministrativa viene data, un appalto viene aggiudicato, una cattedra viene assegnata, un'attrezzatura di laboratorio viene finanziata, se i beneficiari fanno atto di fedeltà al partito che procura quei vantaggi, anche quando si tratta soltanto di riconoscimenti dovuti. […]
Molti italiani, secondo me, si accorgono benissimo del mercimonio che si fa dello Stato, delle sopraffazioni, dei favoritismi, delle discriminazioni. Ma gran parte di loro è sotto ricatto. Hanno ricevuto vantaggi (magari dovuti, ma ottenuti solo attraverso i canali dei partiti e delle loro correnti) o sperano di riceverne, o temono di non riceverne più. Vuole una conferma di quanto dico? Confronti il voto che gli italiani hanno dato in occasione dei referendum e quello delle normali elezioni politiche e amministrative. Il voto ai referendum non comporta favori, non coinvolge rapporti clientelari, non mette in gioco e non mobilita candidati e interessi privati o di un gruppo o di parte. È un voto assolutamente libero da questo genere di condizionamenti. Ebbene, sia nel '74 per il divorzio, sia, ancor di più, nell'81 per l'aborto, gli italiani hanno fornito l'immagine di un paese liberissimo e moderno, hanno dato un voto di progresso. Al nord come al sud, nelle città come nelle campagne, nei quartieri borghesi come in quelli operai e proletari. Nelle elezioni politiche e amministrative il quadro cambia, anche a distanza di poche settimane.[…]
Ceti medi, borghesia produttiva sono strati importanti del paese e i loro interessi politici ed economici, quando sono legittimi, devono essere adeguatamente difesi e rappresentati. Anche noi lo facciamo. Se questi gruppi sociali trasferiscono una parte dei loro voti verso i partiti laici e verso il PSI, abbandonando la tradizionale tutela democristiana, non c'è che da esserne soddisfatti: ma a una condizione. La condizione è che, con questi nuovi voti, il PSI e i partiti laici dimostrino di saper fare una politica e di attuare un programma che davvero siano di effettivo e profondo mutamento rispetto al passato e rispetto al presente. Se invece si trattasse di un semplice trasferimento di clientele per consolidare, sotto nuove etichette, i vecchi e attuali rapporti tra partiti e Stato, partiti e governo, partiti e società, con i deleteri modi di governare e di amministrare che ne conseguono, allora non vedo di che cosa dovremmo dirci soddisfatti noi e il paese. […]
La questione morale non si esaurisce nel fatto che, essendoci dei ladri, dei corrotti, dei concussori in alte sfere della politica e dell'amministrazione, bisogna scovarli, bisogna denunciarli e bisogna metterli in galera. La questione morale, nell'Italia d'oggi, fa tutt'uno con l'occupazione dello stato da parte dei partiti governativi e delle loro correnti, fa tutt'uno con la guerra per bande, fa tutt'uno con la concezione della politica e con i metodi di governo di costoro, che vanno semplicemente abbandonati e superati. Ecco perché dico che la questione morale è il centro del problema italiano. [...]
Quel che deve interessare veramente è la sorte del paese. Se si continua in questo modo, in Italia la democrazia rischia di restringersi, non di allargarsi e svilupparsi; rischia di soffocare in una palude". Enrico Berlinguer.

La morale, o se preferite la domanda è la seguente: ma di chi sta parlando Enrico Berlinguer?

 


video correlati

Marco travaglio rilegge l'intervista a Berlinguer

Enrico Berlinguer, la revisione: "il primato della democrazia"

Faccia a faccia con Enrico berlinguer: 1983



Testo integrale allegato in PDF

 

testi correlati al dossier
“il sistema Italia dalla oligarchia alla cleptocrazia”

 

Roberto Moro - il “sistema paese” : dall’oligarchia alla cleptocrazia [saggio]
1974 – Sandro Pertini“Me ne infischio del sistema, se dà ragione ai ladri” [intervista]
1981 - Giovanni Spadolini - 'Mi impegno a moralizzare questi partiti' [intervista]
1981 - Enrico Berlinguer - Chi ha paura della questione morale? [intervista]
6 febbraio 2012Il fenomeno della corruzione in Italia [documento]
Aprile 2012 - il paradigma del malaffare - Vittimismo, complottiamo, familismo, immobilismo [editoriale]
Transparency International - Indice di percezione della corruzione 2011 [rapporto]
Roberta De Monticelli - La questione civile [scheda antologica]
oligarchia, corruzione, cleptocrazia: oltre il "sistema" ... - Dieci punti irrinunciabili [documento]

Storia&storici è diretto da Roberto Moro
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact