Tag Titolo Abstract Articolo
www.storiaestorici.it
storia, storie, narrazioni
Roberto Moro
33 anni di rivoluzione islamica
1978 - 2012 - Date, fatti, eventi
una cronolgia in multimedia
immagine

Cronologia della Repubblica Islamica d'Iran e fonti di rete

In questa cronologia sono stati presi in considerazione gli eventi più importanti accaduti negli ultimi 33 anni di storia iraniana, con particolare enfasi, nel periodo dal 2003 ad oggi, sugli avvenimenti legati alla questione del nucleare. La cronologia è commentata dai video reperibili in YouTube. Il repertorio è ovviamente inesauribile per eventi e date a partire dalla storia dell’antico Iran. Una playlist di 177 video “Histoy of Iran” offre un considerevole patrimonio di immagini e informazioni. L’ipertesto offre approfondimenti tematici sulla sitografia che è sterminata e per la quale si consiglia l’analisi dei seguenti portali e aggregatoti dedicati. Altre cronologie generali e per peiodi sono disponibili in rete (BBC worldstatesmen Frontline le monde): per una cronologia della crisi nucleare.

 

1978 – 2012
fatti, eventi, immagini e approfondimenti per una storia
della Repubblica Islamica iraniana
video e ipertesto

[a cura della redazione]

 

1978
settembre - a seguito di ripetuti disordini e manifestazioni popolari che gli contestano il governo autoritario, lo shah Reza Pahlavi impone la legge marziale

1979
gennaio - lo shah e la sua famiglia sono costretti all’esilio
1 febbraio - L’ayatollah Ruhollah Khomeini ritorna in Iran dopo 14 anni di esilio trascorsi in Iraq e in Francia e pronuncia il primo discorso
1 aprile - a seguito di un referendum popolare, viene dichiarata la fine della monarchia e proclamata la costituzione della Repubblica Islamica d’Iran
“La Repubblica Islamica è un sistema basato sulla fede nei seguenti principi: il Monoteismo (espresso nell’affermazione “non vi è altro dio che Dio”), la sovranità e la legge come appartenenti esclusivamente a Dio, e la necessità di osservare i Suoi comandamenti. La Rivelazione Divina e il suo ruolo fondamentale nel determinare le leggi. La Resurrezione e il suo ruolo costruttivo nei corso dell’evoluzione che guida l’umanità verso Dio. La Giustizia divina nella Creazione e nella legge. L’Imamato come funzione di guida ininterrotta, e il suo ruolo fondamentale nella continuità della Rivoluzione islamica. La dignità dell’uomo e i nobili valori umani, e il libero arbitrio dell’individuo con la responsabilità che ad esso si accompagna davanti a Dio”.
5 maggio – viene costituita la milizia armata dei guardiani della rivoluzione islamica: pasdaran
novembre - alcuni militanti occupano l’ambasciata statunitense a Tehran prendendo in ostaggio 52 persone che vi lavorano. Per rilasciarle, chiedono l’estradizione dello shah che si è rifugiato negli Stati Uniti per cure mediche, al fine di sottoporlo a processo

1980
gennaio - Abolhasan Bani-Sadr viene eletto quale primo presidente della Repubblica Islamica. Il suo governo inizia a lavorare su un programma di estesa nazionalizzazione
luglio - lo shah esiliato muore di cancro in Egitto dove viene sepolto
22 settembre - l’Iraq attacca l’Iran: scoppia una guerra che durerà 8 anni

1981

gennaio - vengono rilasciati gli ostaggi americani dopo 444 giorni di prigionia
giugno - Bani-Sadr è costretto alle dimissioni. Gli attriti fra Khomeini e Banisadr giungono all'epilogo nel giugno 1981. Il 10 giugno Khomeini richiama a sé i poteri di Comandante in capo, che aveva delegato al Presidente. I
21 giugno -  il Parlamento iraniano vota la sua deposizione. Ancor prima che Khomeini firmasse la sua deposizione, le Guardie della rivoluzione si impadronirono del palazzo presidenziale, imprigionando molti giornalisti ed amici del presidente; alcuni di loro vengono condannati a morte nei giorni successivi.

1985
gli Stati Uniti offrono un patto segreto all’Iran per la vendita di armi in cambio del rilascio di alcuni ostaggi in Libano: il caso verrà poi conosciuto come “l’affare Contra-Iran

1988
luglio - la portaerei americana Vincennes abbatte “per errore” un Iran Airbus con 290 civili oltre al personale di volo - l'Iran accetta il cessate il fuoco nei confronti dell’Iraq e aderisce ai colloqui di pace organizzati a Ginevra sotto l’egida dell’ONU

1989
febbraio - l’ayatollah Khomeini emana una fatwa (editto religioso) che ordina ai musulmani di tutto il mondo di uccidere Salman Rushdie, autore del romanzo The Satanic Verses considerato blasfemo e offensivo nei confronti dell'islam
3 giugno - l’ayatollah Khomeini muore, il giorno dopo viene eletto Guida Suprema dell’Iran l’ayatollah Khamenei
agosto - Ali Akbar Hashemi-Rafsanjani diviene Presidente della Repubblica Islamica
novembre - gli Stai Uniti smobilizzano 567 milioni di dollari di capitali iraniani precedentemente congelati

1990

giugno - un terremoto sull'altopiano provoca circa 40mila vittime
settembre - Iran e Iraq riprendono i contatti diplomatici

1995

gli Stati Uniti impongono sanzioni sulle transazioni petrolifere e commerciali con l’Iran sospettandolo di essere un agente di terrorismo internazionale e di perseguire un programma di arricchimento dell’uranio per scopi bellici

1997

maggio - il riformista Mohammad Khatami, già Ministro della Cultura, vince le elezioni presidenziali conquistando il 70% dei voti a discapito delle forze reazionarie al potere

1998

settembre - l’Iran invia migliaia di soldati al confine con l’Afghanistan dopo che i Taleban ammettono di aver ucciso 8 diplomatici e un giornalista iraniani a Mazar-e Sharif

1999
luglio - a seguito della chiusura del giornale riformista Salam gli studenti dell’Università di Tehran scendono in piazza. Lo scontro con le forze di sicurezza dura sei giorni e si conclude con l’arresto di oltre mille studenti

2000

febbraio - le forze democratiche coalizzate attorno al Presidente Khatami vincono per la prima volta le elezioni parlamentari
aprile - viene sospesa la pubblicazione di 16 giornali riformisti a seguito dell’implementazione di una nuova legge sulla libertà di stampa
maggio - si instaura il sesto parlamento

2001
giugno - Khatami viene rieletto alla presidenza della Repubblica Islamica

2002
gennaio - il Presidente statunitense George Bush proclama che Iraq, Iran e Nord Corea costituiscono l' "axis of evil" (asse del male), minacciando ritorsioni in caso tali paesi perseguano l’acquisizioni di missili a lunga gettata. Il discorso è condannato in Iran tanto dai conservatori quanto dai riformisti
settembre la questione nucleare iraniana: tecnici russi cominciano la costruzione di un reattore nucleare a Bushehr

2003
giugno - ondata di protesta contro il regime da parte degli studenti di Tehran contro il regime
settembre - l'agenzia nucleare IAEA chiede all'Iran di provare che non sta perseguendo un programma per sviluppare armi nucleari
ottobre - Shirin Ebadi, avvocato iraniana ed ex giudice (incarico che ha dovuto forzatamente lasciare dopo al Rivoluzione) diviene la prima iraniana (nonché, prima donna musulmana) a ricevere il Nobel per la pace
novembre - l'Iran dichiara di sospendere il programma di arricchimento dell'uranio consentendo alla IAEA di effettuare dei controlli in loco. Il rapporto IAEA conclude non esservi evidenza di un programma di armi nucleari in Iran
dicembre - un terremoto nell'area della città di Bam (sud-est) ne distrugge il sito archeologico causando oltre 40 mila morti

2004

febbraio elezioni: i conservatori riconquistano il Parlamento
agosto - Tehran dichiara di aver aperto un programma nucleare presso Isfahan a scopo pacifico. La IAEA sostiene che l'Iran ha violato il trattato di non proliferazione nucleare
novembre - l'Iran firma un patto con l'Europa secondo il quale s'impegna a sospendere il piano nucleare

2005

giugno - Mahmoud Ahmadinejad, già sindaco di Tehran, vince le elezioni presidenziali

2006

gennaio - una bomba nella città meridionale di provoca otto morti e una quarantina di feriti. Le autorità iraniane accusano “forse straniere”
febbraio - l'Iran apre un programma nucleare a Natanz
aprile - le autorità iraniane dichiarano di aver ottenuto uranio arricchito presso gli impianti di Natanz
31 agosto - il consiglio di Sicurezza dell'ONU detta una scadenza all'Iran affinché abbandoni il piano nucleare
dicembre - il governo iraniano ospita una conferenza sull'olocausto invitando studiosi negazionisti - il Consiglio di Sicurezza dell'ONU vota per imporre all'Iran sanzioni che ostacolino l'importazioni di materiali utili al programma nucleare

2007

febbraio - la IAEA insiste: l'Iran non rispetta la sospensione del programma nucleare
marzo - la marina iraniana cattura 15 marinai britannici che perlustrano la foce dello Shatt al-Arab, al confine tra Iran e Iraq
maggio - la IAEA dichiara che l'Iran è in grado di sviluppare armi nucleari in un periodo di 3-8 anni
giugno - il governo iraniano raziona il petrolio per paura di nuove sanzioni. Scoppiano proteste in varie città dell'Iran
luglio - l'Iran annuncia di voler cessare la produzione di macchine alimentate solo a benzina per privilegiare quelle alimentate anche a gas - le autorità iraniane accettano una nuova ispezione IAEA, presso gli impianti di Arak
ottobre - gli Stati Uniti dichiarano che colpiranno l'Iran con una nuova ondata di sanzioni
dicembre - rapporti dell'intelligence americana sminuiscono la possibile minaccia nucleare iraniana

2008

febbraio - l'Iran inaugura un nuovo centro spaziale e lancia un razzo
marzo - il Presidente Ahmadinejad si reca in visita ufficiale in Iraq dove chiede alle truppe alleate di lasciare il Paese. Dichiara la volontà dell'Iran di collaborare al processo di ricostruzione irachena e firma una serie di trattati di cooperazione.
maggio - la IAEA accusa l'Iran di reticenza sul suo piano nucleare. Il Parlamento iraniano elegge quale portavoce Ali Larjani, già negoziatore con gli US per il programma nucleare
giugno - Javier Solana, responsabile della politica estera della UE, porge all'Iran un pacchetto di offerte sul piano commerciale in cambio dell'abbandono iraniano delle proprie ambizioni nucleari
luglio - l'Iran testa lo Shahab-3, un missile a lunga gettata capace, secondo Tehran, di raggiungere Israele
agosto – dotato ormai di una rilevante industria spaziale, l'Iran dichiara di aver lanciato, con successo, un razzo destinato a lanciare un satellite nello spazio
settembre - altra risoluzione dell'ONU per chiedere all'Iran di abbandonare l'arricchimento dell'uranio. Non vi sono però nuove sanzioni, sulle quali pesa il veto della Russia
novembre - il Parlamento dimette il Ministro degli Interni, Ali Kordan, accusato di aver esibito un finto diploma di laurea dell'Università di Oxford. Kordan, politicamente assai vicino al Presidente Ahmadinejad, ammette la colpa. Inizi così una faida tra Ahmadinejad e gli altri poteri forti - Ahmadinejad si congratula con Barack Obama, appena eletto Presidente degli US. Obama ripropone la via diplomatica per risolvere la questione del nucleare iraniano
dicembre - la polizia mette a soqquadro l'ufficio del premio Nobel Shirin Ebadi, accusata di ospitarvi un'organizzazione politica illegale

2009
febbraio - il Presidente Ahmadinejad afferma di essere pronto a riprendere il dialogo con gli US, se basato su reciproco rispetto
aprile - un tribunale iraniano accusa di spionaggio la giornalista irano-americana Roxana Saberi, condannandola a otto anni di prigione. Sarà liberata il mese successivo
12 giugno - Ahmadinejad vince un nuovo mandato alle lezioni, ma i suoi oppositori contestano il risultato e i loro seguaci si riversano nelle strade del Paese, dando via ad un intenso movimenti di protesta chiamato “onda verde”. La protesta dura per settimane, con un bilancio di civili morti e numerosissime incarcerazioni
luglio - Ahmadinejad licenzia uno dei suoi vice, Esfandiar Rahim Mashaie, su pressione della Guida Suprema Khamenei
agosto - Amadinejad presenta il suo nuovo governo, che include anche alcune donne
settembre - l'Ayatollah Montazeri, uno dei leader della Rivoluzione, diviene una delle voci pubbliche più critiche del regime
ottobre/novembre - alcuni stati membri del Consiglio di Sicurezza ONU offrono all'Iran la possibilità di arricchire l'uranio all'estero. L'Iran rifiuta
dicembre - l' ayatollah Montazeri muore e le manifestazioni di cordiglio si trasformano in nuovi scontri tra regime e opposizione


2010
gennaio
- il fisico Masoud Ali-Mohammadi viene ucciso da una bomba a Tehran. Nessuno rivendica l'attentato, mentre il governo di Tehran ne incolpa gli Stati Uniti e Israele
maggio - L'Iran si dichiara disponibile a mandare il proprio uranio all'estero, con la mediazione di Turchia e Brasile. Le potenze europee e americane rifiutano
giugno - quarto giro di sanzioni imposto sull’Iran dal Consiglio Sicurezza ONU
luglio - attacco suicida provoca 27 morti in una moschea a Zahedan, vicino al confine con il Pakistan - il caso di Sakineh Ashtiani, condannata a morte per adulterio e per l'assassinio il marito, sale alla ribalta internazionale
settembre - gli impianti nucleari di Busher sono colpiti da un potente virus, Stuxnet - le autorità iraniane liberano Sarah Shourd, citadina Americana, da un anno in carcere insieme a due amici dopo esser stati catturali al confine con l’Iraq e essere stati accusati di spionaggio - Gli Stati Uniti impongono sanzioni su otto ufficiali iraniani accusati di violare i diritti umani
ottobre - viene liberato un ex dipendente dell’ambasciata britannica a Tehran in carcere da un anno per spionaggio
dicembre - a Ginevra si svolgono colloqui fra l’Iran e le maggiori potenze internazionali, con la risoluzione di rincontrarsi il mese successivo a Istanbul - Ahmadinejad dimette il Ministro degli Affari Esteri Manouchehr Mottaki, uno dei suoi principali oppositori.

2011

gennaio - il capo del programma nucleare iraniano, Ali Akbar Salehi, annuncia che il suo Paese possiede la tecnologia necessaria per la costruzione di reattori nucleari - In Tunisia, Egitto, Yemen ecc, scoppia la “primavera araba” che le autorità iraniane accolgono con favore. Imbarazzo, invece, sulla rivolta in Siria, unico alleato dell'Iran nell'area mediorientale - Tehran invia due navi da guerra a Suez, atto che Israele definisce “provocatorio”
aprile - la Guida Suprema Ayatollah Khamenei e Ahmadinejad entrano in disputa aperta sulle dimissioni del capo dell’intelligence, il ministro Heidar Moslehi
agosto - i due americani catturati al confine iracheno nel 2009 sono riconosciuti colpevoli si spionaggio e condannati a otto anni di carcere per spionaggio
ottobre - gli Stati Uniti accusano l’Iran di complotto allo scopo di uccidere l’ambasciatore saudita a Washington. Tehran respinge le accuse quali propaganda anti iraniana
novembre - la IAEA dichiara che l’Iran sta proseguendo il proprio progetto nucleare - L’ambasciata britannica a Tehran viene attaccata da manifestanti dopo che Londra ha annunciato ulteriori sanzioni. Il personale viene richiamato in patria, ma subito dopo rinviato a Tehran, che annuncia di voler perseguire i manifestanti
dicembre - alle minaccia internazionali di nuove sanzioni, l’Iran risponde minacciando di chiudere lo stretto di Hormuz bloccando il traffico petrolifero

2012
gennaio - gli Stati Uniti insistono che l'Iran sta violando gli accordi internazionali sul nucleare. Nel frattempo, la marina militare americana che stazione nel Golfo Persico, salva in tre diverse occasioni dei marinai iraniani. Tehran ringrazia.


Edizione Storia & Storici -2012


Fonte: Storia & Storici
Storia&storici è diretto da Roberto Moro
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact