La tecnologia danneggia le classi inferiori invece di aiutare?

La tecnologia ha cambiato il modo in cui viviamo le nostre vite. Ha aiutato le persone a ottenere di più dalla propria vita e allo stesso tempo ha dato origine a molti problemi sociali. La tecnologia modella la vita delle persone in molti modi, ma rende le altre persone infelici? E questa è una buona cosa o no?

Per molti anni, quasi tutte le professioni popolari sono state viste come il risultato del “duro lavoro” o della “creatività”. L’illusione che il successo derivi dal duro lavoro è andata in frantumi quando la tecnologia ha preso il posto del lavoro manuale. Al giorno d’oggi, sia le abilità che le conoscenze stanno diventando obsolete. Ciò ha creato un grande interesse per le nuove tecnologie che possono sostituire alcune di queste occupazioni (ad esempio, l’istruzione).

La tecnologia è diventata una grande fonte di reddito per i ricchi. Ma sta anche causando danni incalcolabili al nostro pianeta, producendo tecnologie e materiali insostenibili. Non importa come la guardiamo, la tecnologia è uno strumento che utilizziamo per risolvere problemi o raggiungere i nostri obiettivi o ambizioni, ma non è un oggetto che ci offre un impatto positivo sul mondo in generale o sulle persone in particolare. Per questo la tecnologia sarà sempre un’arma a doppio taglio…

Questo articolo esamina come la tecnologia influenza la disuguaglianza economica e la disuguaglianza sociale. Inizia con un esame del motivo per cui alcune persone credono che lo sviluppo tecnologico e la crescita possano fornire più risorse a tutti i cittadini invece di lasciare più risorse per le classi superiori. Credono che lo sviluppo tecnologico aiuterà tutti fornendo nuove opportunità e la domanda dei consumatori. Altre persone invece sostengono che lo sviluppo di nuove tecnologie.

Uno studio recente mostra che le persone tradizionali a basso reddito e della classe operaia sono maggiormente a rischio di perdita del lavoro a causa della disoccupazione tecnologica.

“La povertà rurale è un grave problema nel mondo di oggi e la tecnologia digitale è sicuramente parte della soluzione per affrontarlo. L’economia digitale offre un futuro luminoso per le aree rurali in cui Internet può essere utilizzato per creare posti di lavoro attraverso servizi online dall’agricoltura alla medicina Questo articolo sostiene che le tecnologie digitali hanno molti effetti positivi anche sulla disuguaglianza economica, ma questo non è sufficiente per compensare i loro effetti negativi”.

Affinché alcuni critici della tecnologia possano esprimere il loro punto di vista, devono demonizzarla, ma la maggior parte degli esperti di tecnologia che hanno studiato la questione afferma che non dovremmo essere così veloci nel giudicarla.

L’esempio più famoso è il cosiddetto “computer si sta impadronendo della tua mente”. Ci sono persone convinte di non poter vivere senza l’uso del computer e lo utilizzeranno 24 ore su 24, 7 giorni su 7 proprio come fanno con smartphone e tablet. La maggior parte degli scienziati concorda sul fatto che il cervello umano può adattarsi alle modifiche apportate dall’intelligenza artificiale e l’intelligenza artificiale può imparare dal comportamento umano. Non dovremmo rifiutare gli strumenti di intelligenza artificiale solo perché molte persone pensano che l’IA sia dannosa per noi. In effetti, dovremmo abbracciare il progresso tecnologico in quanto ci aiuta a diventare più intelligenti e in grado di affrontare diverse sfide.

Abbiamo sentito parlare dei vantaggi della tecnologia e del suo impatto sulla nostra vita quotidiana. Tuttavia, abbiamo anche sentito parlare degli effetti negativi della tecnologia sulle classi inferiori. La tecnologia ci consente di scambiare denaro con beni o servizi e di pagare le bollette, ma può anche portare alla disuguaglianza economica.

La tecnologia ha un impatto positivo sull’economia. Consente di sostituire i vecchi metodi con quelli nuovi. I vantaggi della tecnologia si fanno sentire in diversi settori sociali come l’assistenza sanitaria, l’istruzione e anche nelle classi inferiori che hanno bisogno di svolgere le proprie faccende quotidiane.

L’introduzione può essere breve e generale, oppure può contenere alcuni fatti specifici sull’argomento in discussione, ecco perché è importante scegliere di quale si desidera scrivere.